Musulmani A Marsiglia: La Presenza Islamica Tra Xvii E Xviii Secolo

Musulmani A Marsiglia: La Presenza Islamica Tra Xvii E Xviii Secolo

Autore : Antonio Iodice
Genere : Libri, Storia, Storia sociale e culturale,
Leggere : 5226
Scarica : 4355
Dimensioni del File : 28.94 MB
Formato : PDF, ePub

Prendi Questo Libro

Musulmani A Marsiglia: La Presenza Islamica Tra Xvii E Xviii Secolo

La posizione di scalo essenziale sulle rotte per il nord Africa e per la costa palestinese, oltre allo statuto particolare, rese la città di Marsiglia una sorta di “orient rapproché”, dov’era possibile incontrare mercanti, diplomatici, schiavi o anche semplici avventurieri provenienti dalle principali regioni europee, ma non solo. La presenza di musulmani, inizialmente rappresentata soprattutto dal bagno degli schiavi cittadino, fu costante e latente per tutto il XVII e XVIII secolo, con un progressivo incremento del numero di mercanti a fronte di quello dei rematori sulle galere regie. In questo lavoro si indaga sulle tracce lasciate dagli individui di fede musulmana e sulle condizioni della loro presenza e assimilazione nel tessuto urbano cittadino. Nonostante l’esiguità numerica, la presenza di stranieri di fede diversa e dei luoghi “tradizionali” loro associati, come chiese o cimiteri, contribuì a creare l’immagine di città portuale intesa come crocevia di popoli e culture studiata dalla recente storiografia. Il contesto storico è quello di Marsiglia dopo la sottomissione forzata al sovrano del 1660, quando il potere fu affidato all’élite di mercanti riuniti nella Camera di Commercio. La capacità di porsi come interlocutore delle autorità centrali, riunendo gli interessi delle principali famiglie di negozianti cittadini, permise un certo grado di flessibilità nei rapporti con il potere. L’esempio di Marsiglia colpisce per l’originale sintesi di libertà e privilegi, frutto di un incrocio fecondo tra volontà dell'autorità regia e contrattazione con i poteri locali. Alla Camera di Commercio spettava l’amministrazione e il controllo della franchigia cittadina: il porto franco, l’invito agli stranieri, il monopolio sanitario, la tassa sul 20% del valore delle merci del Levante portate da stranieri o che avessero fatto scalo prima di arrivare a Marsiglia, posero l’intero territorio cittadino in una condizione di eccezionalità e precarietà, che aveva bisogno di essere continuamente difesa e contrattata.Antonio Iodice, dottorando di ricerca in Storia moderna presso l’Università degli studi di Napoli Federico II, si è laureato con un double degree all’Università di Roma La Sapienza e di Grenoble Pierre Mendès-France. Fa parte del progetto di ricerca internazionale A global history of free ports, coordinato dal professor Koen Stapelbroek, dell’Università di Helsinki.

Biblioteca Centrale. Palermo

Biblioteca Centrale. Palermo

Autore : Masone Barreca, Silvana (A Cura Di)
Genere : Libri, Dizionari e opere di consultazione, Biblioteche e catalogazione,
Leggere : 2184
Scarica : 1820
Dimensioni del File : 12.10 MB
Batik E Tie&dye

Batik E Tie&dye

Autore : Eliana Masala
Genere : Libri, Tempo libero, Fai da te e arti decorative,
Leggere : 1170
Scarica : 975
Dimensioni del File : 6.48 MB
Claymore: 7

Claymore: 7

Autore : Norihiro Yagi,r. Fukuda
Genere : Libri, Letteratura e narrativa, Narrativa di genere,
Leggere : 858
Scarica : 715
Dimensioni del File : 4.75 MB